http://4.bp.blogspot.com/-7xT3bpRfznU/VCkRdWNR2iI/AAAAAAAAElQ/y62y29wGnI4/s1600/bokow.jpg

A TEATRO CON MAMMA E PAPA'

RASSEGNA 2014 2015

STORIE 17, 19, 29, 30 dicembre;

VITO SIGNORILE e DAVIDE CEDDIA

LA LOCANDIERA;

dal 13 dicembre al 6 gennaio

mercoledì 6 agosto 2014

A MISURA D'UOMO
Ospitalità e Produzione 2014/2017

Nuovo Teatro Abeliano 2014/2015

A misura d’uomo

On a human scale 




L'anno Teatrale 2014, quarantaquattresimo anno di attività dell’Abeliano, registra la conclusione del progetto triennale “HAPPY NEW THEATRE”, un lungo, originale e festoso benvenuto in Arte al Nuovo Teatro Abeliano, già definito da alcuni protagonisti della scena italiana e internazionale, uno dei più bei piccoli Teatri d’Italia. 

Si avvia un nuovo progetto triennale, A MISURA D’UOMO, che se da un lato conserva la tradizione del Gruppo Abeliano centrata prioritariamente sul teatro di prosa contemporaneo, dall’altro non smette di inaugurare nuovi percorsi. 

Per le produzioni prendono il via ben tre nuovi allestimenti. Il primo, dal titolo Blue Bird Bukowski, vede in scena Vito Signorile, nei panni del redivivo autore americano, guidato dalla regia di Licia Lanera per la drammaturgia di Riccardo Spagnulo: due giovani attori autori che sempre più si stanno imponendo nel panorama nazionale e internazionale per bravura e innovazione; il secondo fa parte di un percorso dedicato all’opera di Aldo Nicolaj, commediografo instancabile che ha disegnato le comiche tragedie delle relazioni quotidiane tra esseri umani. Con Mai stata sul cammello l’Abeliano darà vita a una commedia brillante sul tema delle relazioni tra donne che saranno interpretate da Tina Tempesta, Antonella Genga e Stefania Bove; nell’ambito del teatro per ragazzi e per le famiglie, si inscrive invece la produzione L’orco e lo sciocco che completa il ciclo della ricerca sulle fiabe popolari realizzata da Vito Signorile per il Dipartimento Scuola Educazione e che in questo nuovo allestimento vedrà la regia di Roberto Corradino, anch’egli autore, attore e regista under ’40 impegnato in molteplici percorsi artistici di rilievo. 

Per l’ospitalità si inaugura una felice contaminazione tra i pubblici che potranno spaziare tra le rassegne ACTOR, il cartellone storico del Teatro Abeliano, TO THE THEATRE, dedicato al nuovo teatro contemporaneo, e PRIMA RIBALTA, centrato sulle produzioni al debutto, cogliendo il meglio della tradizione e scoprendo i nuovi talenti pugliesi e nazionali. 
Alle famiglie è dedicato l’appuntamento domenicale con A TEATRO CON MAMMA E PAPA’ che propone una ricca proposta di teatro per ragazzi, scelta tra le migliori compagnie nazionali del settore, e ancora per i ragazzi è la rassegna LA SCUOLA VA A TEATRO programmata in matinèe. Si inaugura inoltre una nuova sezione che legge e dà spazio alle moltissime proposte artistiche inoltrate da giovani autrici e registe: I’M NOT A LADY è una sezione articolata in cinque appuntamenti con proposte tutte al femminile e centrate sulla differenza di genere. Compagnie storiche e progetti di coproduzione, ensemble artistiche unite intorno a un progetto produttivo e giovanissimi che si sono appena affacciati al teatro. Alcune esperienze sono radicate nel territorio, altre sono proposte di attori migranti di ritorno, altre ancora hanno da poco vinto prestigiosi premi o hanno cominciato con Principi Attivi la loro storia di arte e lavoro. L’ospitalità dell’Abeliano è anche questo: una casa, un punto d’approdo e di partenza per chi si sente a casa solo su un palcoscenico. 
Nel foyer inoltre, incontri di lettura, mostre e presentazione di nuovi prodotti editoriali privilegiando le case editrici indipendenti. 

Oltre 150 giornate di apertura per un’offerta che si rivolge a un pubblico vivo e curioso, capace di amare e appassionarsi ai diversi linguaggi dell’arte, senza preclusioni e differenziazioni di genere, capace di spaziare dalla grande tradizione d’attore al teatro contemporaneo, dai testi classici alle nuove scritture, di partecipare alle serate e di essere in famiglia al pomeriggio per godersi una fiaba. Spettatori diversi per diversi spettacoli accomunati tra loro dall’unica qualità che fonda il teatro: la capacità di comunicare, partecipare sensi e significati, emozionare. Con l’auspicio di costruire insieme una comunità culturale, capace di farsi portavoce di un festoso progetto umano.

venerdì 25 luglio 2014

CAMPAGNA ABBONAMENTI
Stagione Teatrale 2014/2015




 ACTOR 

 8 spettacoli - sabato ore 21.00, domenica ore 18,00 


- Abbonamento intero € 150 - Abbonamento ridotto* € 125


*Il prezzo ridotto è riservato a tutti gli abbonati e loro amici che confermeranno o prenoteranno l'abbonamento entro il 31 luglio. Le riduzioni sono riservate agli  amici della Chiesa della Resurrezione, agli under 25 anni e agli over 65


 TO THE THEATRE 

 10 spettacoli  

 Venerdì e sabato ore 21.00, domenica ore 18.00 solo per alcuni  spettacoli 


- Abbonamento intero € 70 - Ingresso intero € 10, ridotto* € 8


*Le riduzioni sono riservate a tutti gli abbonati alle altre rassegne e agli studenti universitari in possesso di libretto


 PRIMA RIBALTA 

 10 spettacoli - Venerdì ore 21.00 


- Ingresso intero € 10, ridotto* € 8


*Le riduzioni sono riservate a tutti gli abbonati alle altre rassegne e agli studenti universitari in possesso di libretto


 I'M NOT A LADY 

 5 spettacoli nel mese di aprile 2014 - Giovedì ore 21.00 


- Abbonamento intero € 35,00 

- Ingresso singolo  € 10,00


 A TEATRO CON MAMMA E PAPÀ 

 7 spettacoli - Domenica ore 17.00 e 19.00 


- Abbonamento intero valido per 2 persone (1 bambino + 1 adulto) € 70,00

- Abbonamento ridotto* valido per 2 persone (1 bambino + 1 adulto) € 56,00

- Ingresso intero € 7,50


*Il prezzo ridotto è riservato a tutti gli abbonati e loro amici che confermeranno o prenoteranno l'abbonamento entro il 31 luglio. Le riduzioni sono riservate agli  amici della Chiesa della Resurrezione, agli under 25 anni e agli over 65

 ABBONAMENTO SHAKE  

( pacchetto di 9  spettacoli ) 

 3 spettacoli Actor, 3 spettacoli To The Theatre, 3 spettacoli  Prima Ribalta 

- Abbonamento intero € 81,00 




STORIE
17, 19, 29, 30 dicembre 2014




Regia Vito Signorile
Con Vito Signorile e Davide Ceddia



Storie e racconti della tradizione orale barese e della nuovissima creatività popolare, “cavalli da battaglia” per tutti i felici intrattenitori di convivi. Ritornelli, allusioni, narrazioni senza fine che fanno parte di un immenso patrimonio immateriale. In un gioco ritmico di parole, canzoni, Storie antiche e nuove, che avvolgono e coinvolgono il pubblico di tutte le età, Vito Signorile e Davide Ceddia si concedono il piacere di divertirsi e divertire rispolverando quelle antiche bonarietà e cattiverie, con cui i più anziani e i più giovani amano ancora intrattenersi, imponendo una gioiosa pausa al vorticoso 
tran tran quotidiano.

17, 19, 29, 30 dicembre 2014

INGRESSO € 10 - RIDOTTO ABBONATI, STUDENTI € 8



NATALE CON NOI
il regalo ad ARTE

domenica 13 luglio 2014

CANTI DI NATALE
22 dicembre 2014 ore 17,30



I piccoli alievi del laboratorio condotto da Betty Lusito e i ragazzi del laboratorio condotto da Stefania Bove, saluteranno il pubblico e augureranno buon Natale a tutti con due prove aperte dedicate all’amore. Un tappa intermedia dei due laboratori teatrali per minori, cominciati lo scorso settembre e che andranno avanti fino a maggio 2015.

Lunedì 22 dicembre ore 17,30



giovedì 19 giugno 2014

LA LOCANDIERA
dal 13 dicembre '14 al 6 gennaio '15




ANONIMA G.R.
Presenta
LA LOCANDIERA
di Carlo Goldoni
con:
Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli,
Regia:
Dante Marmone

Cimentarsi nel più classico dei classici del Teatro italiano: “La Locandiera” di Carlo Goldoni, è per ogni attore e attrice una importante tappa del suo percorso teatrale. Quest’opera settecentesca offre infatti, oltre ad una trama intrigante, la possibilità di sperimentarsi nei personaggi del racconto e di  entrare così nei diversi caratteri così sapientemente disegnati dall’autore.
Nella riscrittura  de “La Locandiera” l’intento è stato quello di calare la storia in un’ambientazione più mediterranea, quindi in una locanda del settecento a Bari. Ciò ha consentito di dare ai personaggi dei caratteri più veraci, più ruspanti di come vengono descritti nell’originale commedia goldoniana.

 Personaggi che si esprimono in un italiano baresizzato, con espressioni colorite e per certi versi chiassose, proprio per richiamare l’indole spiccatamente espansiva della gente del sud marcando sulla nostra diversità culturale e di costume. 


dal 13 dicembre ' 14 al 6 gennaio '15


INGRESSO € 18 - RIDOTTO € 15


MORSI A VUOTO
9 e 10 gennaio 2015




Maniaci d’amore
È il racconto di una generazione cresciuta nel disincanto, nella volgarità e nell'ironia.
di e con Francesco d'Amore e Luciana Maniaci
regia di Filippo Renda

I “
Morsi a vuoto” sono i morsi della fame, della coscienza, del rimpianto, del dubbio. Sono le nostre insoddisfazioni, i blocchi, le impossibilità con cui siamo cresciuti. Sono tutte queste cose terribili che portiamo sempre con noi. E che ci stanno bene. Perché siamo giovani, allegri e ironici. Abbiamo sempre la frase pronta per dissacrare e sminuire. Sotto le nostre battute si sentono risate registrate: sono le nostre stesse voci che ridono di noi. Di fronte ai boati del crollo c'è sempre qualcuno pronto a scambiarli per l'eco di un rave. Siamo noi. Siamo fatti così. Ci detestiamo per questo, ma non troppo. Mai troppo. Adesso però Simona vuole smettere di ridere di tutto, di trovare tutto irreale e ridicolo. "Morsi a vuoto" racconta di lei, che è come tutti. Una ragazza allegra ma infelice che non ha niente. La sua unica gioia è l'aver conosciuto un ragazzo dolce e rassicurante. Un giorno Simona scopre che lui la tradisce, spesso e senza trasporto. Anche di questo lei, purtroppo, non riesce a soffrire. Sarà l'incontro con un uomo straniero e violento a cambiarle la vita, perché con lui – l'altro, il diverso – scoprirà un'emozione vera e senza riserve: la paura di morire. E non riuscirà più a farne a meno.


9 e 10 gennaio 2015

ABBONAMENTI E BIGLIETTI

PRENOTAZIONI

CONTATTI


WAITING TO DIE ALONE
16 gennaio 2015





I’m Teatro – Il Cielo di Carta
liberamente ispirato anche a “Psicosi delle 4 e 48” di Sarah Kane, “Aspettando Godot” e “Novelle e testi per nulla” di Samuel Beckett.
di Annamaria Di Pinto e Attanasio Finiguerra
con Annamaria Di Pinto
musiche di Aphex Twin e W. Mertens, Cocorosie
regia di Annamaria Di Pinto 


Lo spettacolo tratta tematiche relative al corpo della donna e alla sua frustrazione rispetto al preteso perfezionismo sociale che genera complesse malattie mentali come anoressia e bulimia. Una solitudine che ha origine nei rapporti materni e sfocia nella riscoperta di identità e unicità perdute... Il tutto attraverso un linguaggio del corpo e del testo onirico, surreale e poetico ma incredibilmente concreto, commovente e scomposto. In un mondo che la uccide quotidianamente, la Donna trova la sua grandezza attraverso le sue origini, divenendo un essere potente ed indistruttibile. Questo solo dopo essere rimasta finalmente e fieramente da sola. Forse uno spettacolo filosofico e carnale…

16 gennaio 2015

TI SCRIVO DALLE NUVOLE ... A MARIA
17 e 18 gennaio 2015




di e con Carmela Vincenti
scene e costumi di Giuseppe Bellini
light designer di Giuseppe Ruggero
selezione musicale di Luca Molino
regia di Carmela Vincenti


La mia ricerca non è il racconto biografico di Maria Callas, ma l'esplorazione del suo animo e del suo cuore a riflettori spenti e a sipario chiuso. Il racconto è quello degli ultimi anni della sua vita, momento di grande dolore e sconforto: in una grande difficoltà del cuore e della mente, il destino mette sulla sua strada un'altra grande anima, Pier Paolo Pasolini. Due solitudini che s'incontrano e si sfiorano alla fine dei loro giorni. Due grandi miti che abiteranno per sempre nel nostro cuore.

Carmela Vincenti

17 e 18 gennaio 2015




venerdì 13 giugno 2014

E MO' CHIAMO I CINESI
23 e 24 gennaio 2015


Associazione Babele
con Alessio Giannone
regia di Mimmo Mongelli


Siamo all'esterno della sede Rai di Viale Mazzini, a Roma. Pinuccio, questo il nome del produttore, è appena uscito da una riunione nella quale si è discusso del destino di una sua proposta: una fiction dedicata a un eroe celtico. Nata quando ancora la Lega aveva un ruolo di governo, la fiction è oggi superata alla luce dei rivolgimenti degli ultimi due anni, ma Pinuccio sa bene che se la proposta dovesse essere bocciata, un nuovo progetto dovrebbe ricominciare daccapo l'iter, e ci vorrebbero ancora anni prima di arrivare al primo ciak. Così in un gioco continuo di telefonate fra politici che contano, personaggi ambigui che però contano uguale, dirigenti televisivi, sceneggiatore e attori, Pinuccio cerca di costruire una difficile mediazione che, senza snaturare il progetto ma con non poche forzature, riesca ad adattare tutto alla mutata realtà politica e produttiva. Lo strumento che ha portato al successo Pinuccio, diventa qui il perno di una serie di aneddoti, molti reali, altri ispirati a fatti reali, altri decisamente inventati ma tutti composti in una miscela esilarante che contribuirà a costruire un ritratto dell'italiano medio, con il suo menefreghismo, l'incapacità di sottostare alle regole e la capacità di adattamento, nel bene e nel male, oltre ad una inesauribile versatilità nel trovare soluzioni inimmaginabili.

9 e 10 gennaio 2015

ABBONAMENTI E BIGLIETTI

PRENOTAZIONI

CONTATTI




CALENDARIO