Spettacoli

Bando 2021 “Canti di Natale”

1 Novembre 2021
La tradizionale manifestazione natalizia nell’ambito del progetto “Omaggio a Bari” si terrà il 20 dicembre p.v. al Teatro Abeliano. Fino al 7 dicembre potete partecipare al Premio con le vostre composizioni (poesie e/o canzoni, edite o inedite) secondo il regolamento allegato che potete scaricare al seguente link.
Briglie sciolte dunque alla creatività e in bocca al lupo a tutti!
Spettacoli

Versi alla Luna 2021

26 Aprile 2021
Post Image

La manifestazione inserita nel più ampio progetto “oMaggio a Bari”, iniziato anni addietro col patrocinio e la collaborazione della Commissione Cultura del Comune di Bari presieduta dal dott. Giuseppe Cascella, per valorizzare le bellissime e numerosissime edicole votive sparse nella città vecchia che si intende rendere oggetto di recupero e riqualificazione, si configura come un reading di poesie e interventi liberi a cielo aperto in un luogo significativo di Bari vecchia, possibilmente in una serata di luna piena, divenendo un invito a tutti, cittadini, aziende, Istituzioni, a contribuire fattivamente a preservare questo autentico tesoro “adottandone” almeno una.

Leggi

Approfondimenti

La pandemia nello spettacolo

26 Aprile 2021
Un teatro costretto alla inattività, a platea vuota, neppure frequentato dalla Compagnia di attori residente e dagli addetti nei suoi uffici, è una condizione che di certo non si addice e non si augurerebbe a nessun teatro al mondo.
O perlomeno poteva risultare finora accettabile che così fosse, per forza di cose, per i ruderi archeologici dei teatri dell’antichità greco-romana o per alcuni particolari edifici del ‘700 a struttura ‘all’italiana’ che sono oggigiorno inagibili (tuttalpiù visitabili soltanto per preservarne meglio le fragilità architettoniche).
Eppure da marzo 2020 il mondo della Cultura è fermo e qualsiasi teatro è chiuso al pubblico. Ma il Teatro non si è preso il Covid sebbene sia in quarantena forzata.

Leggi

Italian Graffiti

Pensierini da fermo Covid 19

2 Marzo 2021

È inevitabile che gli eventi portino i pensieri ai corsi e ricorsi storici e ad analizzare vecchi e nuovi pericoli. La situazione attuale li contiene tutti!

Non sono Ottimista. Si parla di date per riaprire… di come superare il momento… Ben venga una data di riapertura ma bisognerà fare i conti con la comprensibile diffidenza del pubblico. stare fermi per un tempo indefinito ma certamente lungo potrebbe/dovrebbe essere utilizzato per mettere ordine nel settore dello spettacolo.

 Credo che l’Italia sia piuttosto lontana dagli standard europei e, senza giri di parole, diciamo che leggi e regole sono ancora influenzate quando non determinate da lobby e particolarismi che vedono ancora trionfare la grande forbice tra nord e sud ma anche quella tra ricchi e poveri, tanto per citarne un paio. Attenzione, dunque, a coloro che oggi hanno la responsabilità di gestire regole e danari! Il particolare e nuovo nemico che combattiamo, purtroppo monopolizza l’attenzione e può indurre ad errori e suggerire rimedi peggiori del male! Viva il teatro dal vivo.  Leggi

Approfondimenti

Il futuro… a sud dell’uomo – Vito Signorile

17 Ottobre 2020

Impegnato nell’attività teatrale ininterrottamente da oltre 50 anni, caparbiamente con una sede stabile nella nostra città, non mi esimo da una prima esposizione di dati riguardanti il Centro Polivalente di Cultura Gruppo Abeliano che mi onoro dirigere.

In occasione del trentennale di attività, nel 2000, ebbi occasione di scrivere quanto segue in un pezzo dal titolo Il futuro… a sud dell’uomo:
Siamo alla fine del 1969 quando un gruppo di giovani, molti dei quali “fuorusciti” dal Piccolo Teatro di Eugenio D’Attoma, decidono di mettersi assieme per occuparsi di teatro e strutturarsi in modo più consono al nuovo che veniva dal ’68. A luglio del 1970 viene presentato ufficialmente alla stampa, alla libreria Rinascita, il «manifesto» del Gruppo Abeliano. Due aspetti caratterizzano immediatamente l’impegno del Gruppo: l’esigenza di una «casa» propria per meglio elaborare e sperimentare il lavoro dell’attore; la capacità di rimettere in discussione il proprio operato in un continuo confronto dialettico.

Ad ottobre dello stesso anno, infatti, l’Abeliano allestisce la prima sede: una piccola accogliente sala a Piazza Garibaldi che diverrà poi sede de «I Campi Elisi». Con essa i primi passi produttivi: Flashes, Il maestro serale, Musica e provocazione. Il 30 maggio 1971 il Gruppo si dota di una struttura più consona alle accresciute esigenze e inaugura il Centro Studi Gruppo Abeliano, con un teatrino di circa duecento posti in viale Giovanni XXIII, sviluppando in esso una intensa attività culturale e di produzione teatrale che lo pongono immediatamente al centro dell’interesse cittadino.

Si allestiscono mostre di fotografia, artefice un grande Rocco Errico che sarà il fotografo di scena dell’Abeliano fino alla sua prematura scomparsa; Poi l’avanguardia dei pittori baresi sollecitati da uno dei più creativi spiriti liberi come Peppino Schito. Si allestiscono spettacoli di impegno civile come Il mestiere di sopravvivere, Vietnam concerto, Un cantastorie per un compagno, Urlo dal ghetto. Si affrontano le prime recite in trasferta nelle piazze pugliesi. Tra gli spettatori, insigni rappresentanti della cultura e del mondo politico a dibattere con giovanile passione degli spettacoli e delle tematiche per una nuova drammaturgia e per un impegno sociale anche attraverso manifestazioni artistiche. Un appassionato e generoso sostenitore dell’Abeliano fu Nicola Oberdan Laforgia con le sue «critiche» puntigliose e la sua veemente capacità di moltiplicare entusiasmi.

E non si possono dimenticare i «minacciosi» inviti a studiare di Beniamino Finocchiaro «perché nel mondo del teatro non c’è posto per i ciucci», o le analisi di Rino Formica che si animava per spiegare che «il finale con una bella diapositiva di piazza Loreto può soddisfare le esigenze estetiche ma può indurre a pensare ad inaccettabili soluzioni violente».

Tanti amici e sostenitori a stimolare e forgiare la nostra resistenza a difficoltà e ostacoli di ogni genere. Ma alcune esigenze si fanno prepotenti: affinamento tecnico, professionismo e partecipazione al più vasto dibattito teatrale che si sviluppa in Italia. Mentre si allestiscono e si replicano in «giro» (siamo alle primissime esperienze di decentramento in piccoli Comuni della provincia pugliese e nei Centri di Servizi Culturali) spettacoli come I giorni della Puglia rossa, In ogni tempo, in ogni paese, Pé non murì se canda, il Gruppo opera un primo grande passo di organizzazione interna in senso professionale. Nell’autunno del 1973, viene costituita la prima cooperativa teatrale in Puglia con il coordinamento di Beppe Lopez che ne assume la presidenza. Nuovo impulso alla produzione, prime aperture a collaborazioni esterne e rinnovato dibattito sulla drammaturgia italiana.

È di questo periodo l’allestimento de I Cavalieri di Aristofane con la collaborazione della regista Maricla Boggio, l’organizzazione, insieme alla rivista «Politica e Mezzogiorno», di una conferenza dibattito sul tema «Repertorio Teatrale Italiano: Esiste o non esiste?», l’ospitalità presso il Teatro Abeliano, in collaborazione con l’Eti, dei cartelloni sperimentali «Ricerca 2» e «Ricerca 3». l’allestimento dello spettacolo C’era una volta un contadino del Sud di Michele Campione. Il tempo moltiplica e differenzia esigenze e interessi professionali restringendo il nucleo fondatore. La cooperazione costituisce comunque l’unica formula possibile per una graduale impostazione “aziendale” che consente autonomia di scelte politiche e culturali.

Nel 1976 il Gruppo Abeliano opera in collaborazione col Teatrino di Foggia (Tga). Nel 1977 la cooperativa si ristruttura in Centro Polivalente di Cultura Gruppo Abeliano e l’anno successivo opera una svolta decisiva per il proprio futuro inaugurando a maggio, in occasione del Congresso Costitutivo dell’Associazione pugliese delle coop. culturali aderenti alla Lega, il Teatro Abeliano, in largo 2 Giugno, che si affermerà in pochi anni come il terzo teatro della città e quale importante punto di riferimento per la cooperazione culturale. Gestire un teatro vero. Sembrò un’intuizione geniale, in realtà si trattava di una conditio sine qua non.

Chi avesse voluto fare il teatrante professionista in Puglia, in tutto il Mezzogiorno d’Italia, con la sola esclusione di Napoli e della Sicilia, aveva due sole strade: quella durissima e arrendevole della emigrazione e quella durissima e caparbia di restare e gestire un teatro in cui operare”.

50 anni del Gruppo Abeliano

A proposito di ‘Cronistoria di un Teatro in 2 canzoni e poche parole’ – Damiano Francesco Nirchio

30 Agosto 2020
Post Image

 

È una bella storia barese, pugliese, italiana. E dura da ben cinquanta anni! Ho pensato molto a questa bellissima storia ( che conosco in parte, per frammenti o racconti che si perdono oramai nel mito e nella leggenda) in questo momento difficile per tutto il settore: quante difficoltà si devono superare per arrivare a cinquant’anni? Quante volte si sarà pensato “stavolta è finita “?
I Maestri sono maestri in tutto. Anche su come superare i momenti difficili.
Auguri al Nuovo Teatro Abeliano , (a Vito Signorile e a tutto lo staff) che ne farà altri cinquanta e farà vedere a tutti noi come si fa.

Spettacoli

Premio Piedigrotta Barese 2020

30 Maggio 2020
Post Image
> Per partecipare, scarica da qui la scheda di partecipazione acclusa al Regolamento.
> Scheda di Adesione

Riprendendo un’antica manifestazione dei primi anni del ‘900 il Gruppo Abeliano organizza annualmente dai primi anni Novanta il Premio “Piedigrotta Barese” che, proprio come nell’antica ‘Piedigrotta’, vuol valorizzare gli autori nostrani di componimenti in vernacolo (in prosa, poesia, canzone) dandone pubblica visibilità.

Alcune poesie e canzoni ormai ‘tradizionali’ hanno ottenuto un successo straordinario in questo modo (si pensi a “Canzone a Marì” di Macina-Giannini che divenne sigla della fortunata e popolarissima trasmissione di Radio Bari “La Caravella” con i suoi mitici Colìne e Mariètte).

La Piedigrotta Barese è peraltro da qualche anno attuata sotto l’egida del Comune di Bari, Assessorato alle Culture e Commissione Culture, con la collaborazione delle Associazioni Culturali cittadine riunite nel più vasto Progetto denominato “Omaggio a Bari” (ideato e coordinato da Vito Signorile) teso alla rivalutazione del Dialetto barese e al recupero di Tradizioni, Lingua, Usi, Costumi, Racconti, Canti della Cultura popolare Barese.

Importanti personaggi del passato, “i padri del nostro dialetto” vengono celebrati nel corso della ormai tradizionale manifestazione attraverso la lettura di loro opere da parte di attori e cantori professionisti e dei tanti seguaci, innamorati della propria città.
Quest’anno la Piedigrotta Barese è dedicata a don Alfredo Giovine, poeta, ricercatore e prezioso “scrigno” di saggezze, racconti e canti, motti e lazzi del popolo barese. A distanza di ben 28 anni, un “amarcord” attraverso un reperto video della prima festa organizzata in suo onore al Teatro Abeliano con la partecipazione di quasi tutti gli artisti baresi, per la regia di Vito Signorile.

Il Premio “Piedigrotta Barese” si articola come di consueto nelle seguenti 4 sezioni:
Premio “Francesco Saverio Abbrescia” per la Poesia
Premio “Alfredo Giovine” per il Racconto breve
Premio “Matteo Salvatore” per la Canzone
Premio “Rocco Errico” per la Fotografia
Ogni sezione prevede la categoria ‘adulti’ e la categoria ‘ragazzi’. Vincono i primi 3 classificati per ciascuna sezione e categoria, insindacabilmente votati da una Giuria (composta da note personalità della cultura e dello spettacolo) presieduta dall’Assessore alle Culture del Comune di Bari o altro delegato delle Istituzioni locali.
Si può partecipare con uno o max due componimenti per ciascuna sezione. I lavori (a tema libero) devono essere inediti e in dialetto barese (ossia dell’area metropolitana),
le fotografie (a colori o b/n) devono riferirsi al centro storico della propria città, ai suoi quartieri, alle sue tradizioni, ai suoi artigiani, ai suoi monumenti, ai suoi paesaggi, alle sue peculiarità.

La premiazione avverrà nel corso della tradizionale festa/spettacolo della ‘Piedigrotta Barese’ che si terrà presso il Teatro Abeliano di Bari il 29 e 30 giugno e 1 luglio e verrà trasmessa in diretta da RadioPoPizzTv e in streaming sulle pagine Facebook-Youtube del Teatro Abeliano.

> Per partecipare, scarica da qui la scheda di partecipazione acclusa al Regolamento.